News

Il commento

10/12/2017

LUOGHI COMUNI E FALSI MITI: LA POSTURA DI ATTESA

LUOGHI COMUNI E FALSI MITI: LA POSTURA DI ATTESA Con il presente articolo vorremmo cominciare una sorta di “campagna” contro alcuni, tra i tanti,   luoghi comuni che incid...
Continua...

Varie

15/10/2017

UNA ANALISI STATISTICA SUI GOL SUBITI DA LONTANO

ANALISI STATISTICA DI LUCA QUEIROLO SUI GOL PRESI DA LONTANO Come abbiamo ripetuto più volte non siamo amanti delle statistiche. Sì, perché esse possono portare a deduzioni...
Continua...

L'intervista

28/01/2014

FABRIZIO LORIERI

INTERVISTA  A FABRIZIO LORIERI, PREPARATORE DEI PORTIERI DEL SASSUOLO.  E’ con noi il preparatore dei portieri del Sassuolo, Fabrizio Forieri, che molti ricorderanno, tra le alt...
Continua...

Tecnica del portiere

22/08/2017

TECNICA DEL PORTIERE: E’ il doppio impulso che conta? Vogliamo fare una piccola riflessione parlando di insegnamento della tecnica del portiere. Come è facile verificare, le idee d...
Continua...

Le vostre domande

21/01/2012

LE VOSTRE DOMANDE (18 risposte)

nr.18 risposte             Gli utenti che ci invieranno domande di interesse generale troveranno risposta in questa rubrica. 18) Ant...
Continua...

2012: IL PORTIERE

Il commentoPubblicato Lunedì 02/01/2012

 Amici, portieri, preparatori e addetti ai lavori, approfittiamo di questa pausa per augurarvi un Buon Anno. Certo, leggendo i titoli dei giornali, si prospettano delle nubi minacciose all’orizzonte, ma noi non è di quello che vogliamo occuparci. A noi piace pensare il portiere nel suo spirito più puro, quello dell’eroe, quello del ruolo più difficile e facilmente esposto a critiche, spesso ingiustificate, che a volte servono a coprire altre magagne della squadra, ma delle quali è più difficile individuare i responsabili.

Si, perché la ‘squadra’ è un complesso intreccio di alchimie, di qualità atletiche dei giocatori e di spirito di gruppo, di capacità tattiche dell’allenatore e di elevata autostima da parte dei giocatori.

Però il portiere è diverso.

Il portiere è da solo. Fa parte della squadra ma alla fine ne è distaccato nettamente.

Si usano spesso concetti e giochi di parole, sui quali si scrivono interi libri, per far intendere che il portiere è il primo attaccante, o che entra a far parte di determinati schemi di ripartenza, ma guardiamo concretamente la realtà: il portiere è l’uomo che para, che sa uscire e che sa guidare la difesa; certo, deve saper giocare con i piedi ma quello che gli si chiede il più delle volte non è altro che saper rinviare sui passaggi indietro. Ormai, anche nelle categorie minori, quello del saper giocare coi piedi non è più un problema.

Ciò che rimane è quello che il portiere ha sempre fatto: voli, uscite temerarie sui piedi dell’avversario o in mezzo all’area, grinta e sacrificio.

E’ questo che dobbiamo cercare di inculcare nei nostri portieri, soprattutto in quelli più giovani: l’aspetto più eroico e puro del ruolo, fare in modo che sia questo il loro obiettivo e il loro modo di essere, senza compromessi, tempriamo il loro carattere e la capacità di superare le avversità, facciamo in modo che siano consapevoli che hanno scelto il ruolo più difficile, ma anche il più affascinante di tutti.

Auguri di Buon 2012.  

Ti piace questo articolo? Condividilo!

 
Powered by Informind
Copyright © 2011. All Rights Reserved. XHTML e CSS validated.